Agrumi Siciliani: Garantire il Reddito ai Produttori

Comunicato Stampa CIA e Confagricoltura Sicilia

AGRUMI SICILIANI: BISOGNA LAVORARE PER GARANTIRE REDDITO AI PRODUTTORI.     CIA E CONFAGRICOLTURA DELLA SICILIA SCRIVONO AL PRESIDENTE LOMBARDO E ALL’ASSESSORE D’ANTRASSI PER L’ISTITUZIONE DI UN TAVOLO DI CONFRONTO.

Occhi puntati sulla imminente raccolta di arance in Sicilia. Un comparto, questo, importantissimo ma quasi sempre sottostimato e lasciato allo sbando. Le previsioni per la campagna 2011-2012 vedono la presenza di prodotto di qualità ma di piccolo calibro che rischierebbe di incidere negativamente sulla commercializzazione e quindi direttamente sulle remunerazioni degli agrumicoltori.

E proprio su questo punto i vertici di Cia e Confagricoltura Sicilia, in una lettera congiunta, datata 14 novembre, al presidente Lombardo e all’assessore al ramo D’Antrassi, manifestano l’assoluta necessità di operare per evitare l’intasamento dei mercati con merce di scarsa qualità.

“Lombardo e D’Antrassi, convochino immediatamente – spiega Carmelo Gurrieri, presidente Cia Sicilia, le confederazioni e i rappresentanti della produzione per trovare assieme a loro una giusta rete di protezione che eviti il la crisi del settore in chiave economica e commerciale per la prossima campagna”.

Dello stesso avviso il presidente Confagricoltura Gerardo Diana, secondo cui in questo momento “sono dannnose le fughe in avanti che potrebbero alimentare fenomeni speculativi ad esclusivo danno dei produttori. Per questa ragione – aggiunge Diana – occorre intervenire per mantenere alti gli standard qualitativi, avviare campagne promozionali e dare finalmente attuazione al Marchio Sicilia di cui l’agrumicoltura costituisce il settore più rappresentativo”.

Cia e Confagricoltura denunciano, allo stesso tempo, incontri piu’ o meno ufficiali tra alcuni rappresentanti delle istituzioni e solo una parte della filiera agrumicola che lasciano fuori proprio gli attori principali della stessa filiera: gli agrumicoltori.

L’urgente necessita’ di un tavolo congiunto con tutta la filiera si rende indispensabile per evitare future azioni speculative ai danni degli agricoltori che porterebbe alla nascita di tensioni tra gli operatori della filiera.

Palermo lì 15 novembre 2011

 

Annunci

Arance: Richiesto Incontro al Presidente della Regione

In seguito all’incontro tra i gruppi dirigenti di CIA e Confagricoltura di Catania e Siracusa svoltosi il 10/11/2011, i Presidenti regionali di CIA e Confagricoltura hanno richiesto un incontro urgente al Presidente della Regione Lombardo e all’Assessore alle Politiche Agricole D’Antrassi. 

Si riporta il testo della lettera inviata alla Regione:

– Al Presidente della Regione Siciliana On. Raffaele Lombardo

– All’Assessore Regionale alle Politiche Agroalimentari Dott. Elio D’Antrassi

Oggetto: campagna agrumicola 2011-2012. Richiesta urgente incontro. 

On. Presidente Lombardo, Egr. Assessore D’Antrassi 

le scriventi Organizzazioni Professionali Agricole siciliane CIA e Confagricoltura, in riferimento all’avvio della campagna agrumicola 2011-2012, manifestano forti preoccupazioni per la situazione che si sta venendo a determinare nel comparto a seguito della presenza di una alta percentuale di arance di piccola pezzatura la cui commercializzazione potrebbe negativamente condizionare l’andamento dei prezzi dell’intera produzione regionale.

In tale contesto solo un preventivo, calibrato e condiviso intervento della Regione può contribuire ad evitare il crollo dei prezzi. Si ritiene quindi urgente e indispensabile l’adozione di misure tese a diminuire la pressione dell’offerta derivante dal prodotto di minore pezzatura attraverso la realizzazione di una straordinaria campagna di promozione su tutto il territorio nazionale delle arance siciliane da spremuta.

CIA e Confagricoltura Sicilia, al fine di porre fine a quanto sta accadendo in questi giorni in cui si stanno svolgendo incontri più o meno ufficiali tra rappresentanti istituzionali e rappresentanti di una parte della filiera agrumicola e per contribuire a delineare un percorso organico e funzionale a dare una strutturata risposta alla problematica suesposta, chiedono alle SS.LL. un urgente incontro per approfondire, congiuntamente alle scriventi Organizzazioni Professionali Agricole, le iniziative da intraprendere nel più breve tempo possibile per ricercare la necessaria e indispensabile soluzione ai problemi che si stanno manifestando nel comparto, per difendere, in tal modo, il reddito degli agrumicoltori e contrastare sul nascere eventuali inaccettabili azioni speculative che sicuramente determinerebbero un inasprimento delle tensioni tra gli operatori della filiera. 

Certi di una attenta valutazione, si rimane in attesa di un positivo riscontro. 

Palermo lì 14 novembre 2011 

Il Presidente della CIA Carmelo Gurrieri  – Il Presidente della Confagricoltura Gerardo Diana