Maltempo ed emergenza, la giornata catanese del presidente nazionale Cia, Dino Scanavino nei territori colpiti dal nubifragio

“Porteremo al  Governo nazionale la cronaca di un altro disastro annunciato”. Così, ha esordito il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino atterrato ieri a Catania,per effettuare un sopralluogo nei territori colpiti dal nubifragio dello scorso 18 ottobre, tra Scordia, Francofonte, Lentini, Carlentini, Palagonia, Ramacca e Mineo. “Con un cambiamento delle condizioni meteorologiche ormai note il territorio non riceve una manutenzione adeguata”, ha aggiunto il rappresentante nazionale degli agricoltori Cia con al fianco il presidente Sicilia Orientale, Giuseppe Di Silvestro, il direttore Graziano Scardino e alcuni produttori della zona del torrente esondato Gornalunga, che hanno subito i danni maggiori.

“Danni per decine di milioni di euro – dice Giuseppe Auteri che ha un terreno di agrumeto a nuovo impianto, totalmente travolto dalla piena del fiume – i danni strutturali sono del 100%”. “Stessi danni anche per i carciofeti – dicono  Vincenzo Nigido e Antonio Sambataro –  non riusciremo a raccogliere nulla, al danno la beffa di dover fare fronte adesso a tutti pagamenti di mutui, tasse e Imu agricola, cui avremmo provveduto con la vendita dei prodotti”. “Ci riteniamo comunque fortunati, perché siamo scampati ad una tragedia immane, se, infatti, l’esondazione del fiume fosse avvenuta qualche ora più tardi – dicono – ci sarebbero state decine di vittime, perché avremmo avuto i collaboratori  al lavoro, oltre agli automobilisti che percorrono la SS417, attraversata dalla piena”. “Ringraziamo il presidente Scanavino – afferma il presidente Giuseppe Di Silvestro – La Cia è vigile a tutti i livelli per fare intervenire le istituzioni. Bisogna tamponare le emergenze, con il non pagamento di oneri e tributi, di regolare i rapporti con banche e Ismea”.

 

Il presidente nazionale Dino Scanavino  ha fatto tappa a Scordia in Oranfrizer,  ha attraversato la linea di produzione della leader siciliana degli agrumi in piena attività di confezionamento accompagnato da Salvo Laudani, marketing manager dell’azienda e da Alessandro Alba, responsabile dell’approvvigionamento di Oranfrizer.

“Abbiamo accolto Scanavino e i rappresentanti della CIA in Oranfrizer apprezzando la loro visita perché venendo qui hanno allungato lo sguardo sull’intera filiera degli agrumi, constatando quante persone insieme ai produttori danneggiati sono coinvolte in questo comparto economico. I nostri impianti non si fermeranno, con noi lavorano 400 dipendenti e 120 produttori, con la loro collaborazione stiamo già distribuendo le arance bionde e i limoni raccolti in Sicilia, e continueremo senza tregua. Intendiamo soddisfare tutte le richieste dei mercati italiani ed esteri. Gli agrumeti che hanno già subito i danni dell’alluvione dovranno assolutamente essere tutelati e sorvegliati dallo Stato, e non si aggiunga alla calamità l’illegalità, bisognerà proteggere il raccolto che c’è e che non potrà essere ulteriormente decimato dai furti ben organizzati” afferma Nello Alba, CEO di Oranfrizer.

Si sono poi aggiunte le sollecitazioni dei sindaci invitati a Scordia a partecipare alla giunta Cia  convocata eccezionalmente nella sede della Protezione Civile. “Nel documento – spiega il direttore Grazino Scardino – si chiedel’immediata conta dei danni sia alla produzione che alle strutture, e l’emanazione delle misure straordinarie per il ristoro danni, lo stato di calamità e le misure straordinarie per interventi immediati di tipo infrastrutturale per il ripristino degli argini dei fiumi, per la pulizia degli alvei, e per la rimozione dei detriti accumulati negli anni nei letti dei fiumi ove necessario, per il riassetto e ripristino delle strade principali e secondarie;  al risarcimento  dei danni alle strutture delle aziende agricole; al risarcimento dei danni alla produzione attuale; al pagamento immediato dell’acconto da parte di AGEA dei premi PAC; all’esonero del pagamento degli oneri previdenziali tributari e fiscali per gli agricoltori i braccianti agricoli assunti; all’esonero dei tributi locali e del canone dei consorzi di bonifica;alla sospensione del pagamento di rate di mutui agrari e dei contenziosi con istituti di credito ed enti vari (ISMEA ecc).

“Questo è un evento così  straordinario che va oltre le coperture assicurative – specifica Scanavino – abbiamo avuto fenomeni di distruzione di frutteti  e ortaggi irrecuperabili. Bisogna intervenire sulle strutture e infrastrutture, credo che un intervento straordinario del Governo sia legittimo e debba essere preso in  considerazione”. “Sono necessari piani di adeguamento del sistema idrico delle bonifiche – aggiunge –   che consentano di mitigare gli effetti cosi  devastanti, perché tutto il sistema delle bonifiche in Italia non funziona: assorbe risorse importantissime e non è efficiente”.

Per avviare gli interventi richiesti è necessaria attivare alcune deroghe su quanto previsto dalla normativa nazionale ovvero dalla Decreto Legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche. Deroga per gli interventi risarcitori, a valere sul Fondo di solidarietà nazionale, anche per i danni assicurabili, in modo che le imprese agricole, che non hanno ancora sottoscritto polizze assicurative possano ricevere un indennizzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...